La Camera ha approvato in via definitiva la legge di
conversione del DL Covid. Ecco cosa prevede, dalle
mascherine all’emendamento Mediaset
Conversione del DL Covid
Misure di contrasto al Covid
Stop alle cartelle di pagamento
Comuni
Eventi meteo eccezionali
Pescatori Libia
Norma Mediaset
Conversione del DL Covid
Il disegno di legge di conversione del decreto legge n.
125/2020 (qui sotto allegato), dopo aver ottenuto il via
libera del Senato ha guadagnato l’approvazione anche
della Camera e si appresta, quindi, alla pubblicazione in
Gazzetta Ufficiale.
Facciamo una carrellata delle disposizioni più rilevanti.

Misure di contrasto al Covid
Allineandosi con la data di cessazione dello stato di
emergenza, allo Stato viene data la possibilità di adottare
misure di contrasto della pandemia da coronavirus sino al
31 gennaio 2021, consentendo alle Regioni di introdurre
provvedimenti più restrittivi rispetto a quelli generali,
purché nell’ambito delle loro competenze e rispettando i
criteri dettati dal Governo.
Le Regioni potranno introdurre anche misure ampliative,
ma solo previa intesa con il ministero della Salute.
Mascherine in tutti i luoghi chiusi
L’utilizzo di mascherine di protezione delle vie aeree non
resta obbligatorio solo all’interno di luoghi chiusi
accessibili al pubblico, ma l’obbligo si estende, in
generale, a tutti i luoghi chiusi diversi dalle abitazioni
private.
Potenziamento di Immuni
L’utilità di Immuni è potenziata attraverso la previsione
della sua interoperabilità con le altre piattaforme operanti
nel territorio dell’Unione Europea, al fine di contrastare il
coronavirus con strumenti coordinati tra i vari paesi
europei.
Accertamento del Covid tra le forze

dell’ordine
Per il personale delle forze di polizia e delle forze armate e
per i vigili del fuoco, l’accertamento diagnostico relativo
all’esposizione al rischio di contagio da coronavirus viene
affidato al servizio sanitario del rispettivo corpo.
Stop alle cartelle di pagamento
Fino al 31 dicembre 2020 restano sospesi i versamenti
delle somme derivanti da:
accertamenti esecutivi (anche doganali e degli enti
locali),
cartelle di pagamento,
ingiunzioni fiscali degli enti locali.
Rinviata ad anno nuovo anche la notifica di nuove cartelle.
Sempre fino al 31 dicembre, la decadenza dalla
rateizzazione continua a conseguire al pagamento di dieci
rate anziché cinque.
Comuni
Alcuni dei termini ordinariamente previsti per l’invio delle
delibere delle entrate tributarie da parte dei Comuni
vengono differiti al 31 dicembre 2020 e al 31 gennaio
2021.
Inoltre, si concede ai sindaci dei Comuni più piccoli di

usufruire di permessi retribuiti dal lavoro.
In materia di elezioni, viene confermato il rinvio al 31
marzo 2021 delle elezioni dei Comuni che sono stati sciolti
per infiltrazioni mafiose, che avrebbero dovuto svolgersi il
22 e il 23 novembre 2020. Per il 2020, poi, il termine per
procedere alle nuove elezioni del Consiglio metropolitano
in caso di rinnovo del Consiglio del Comune capoluogo è
fissato in 180 giorni dalla proclamazione del sindaco del
Comune capoluogo.
Eventi meteo eccezionali
Lo stato di emergenza connesso agli eventi meteorologici
eccezionali che hanno colpito molte Regioni italiane a
partire dal 2 ottobre 2018 è stato prorogato per altri 12
mesi e le relative contabilità speciali resteranno in essere
sino al 31 dicembre 2024.
Pescatori Libia
Fino al 31 dicembre 2020 sono sospesi i tributi e i
contributi previdenziali e assistenziali gravanti sugli
armatori delle imbarcazioni mazaresi che sono state
sequestrate a 38 miglia dalle coste della Libia il 1°
settembre 2020. Dal 10 gennaio 2021, i relativi versamenti
potranno essere eseguiti nella misura massima del 70%
del dovuto, in un’unica soluzione o nel numero massimo di
120 rate mensili, senza applicazione di sanzioni o
interessi.

Norma Mediaset
Infine, merita di essere citata la cd. norma Mediaset, con
la quale viene data attuazione alla sentenza della CGUE
del 3 settembre 2020 relativa al caso Mediaset-Vivendi.
In particolare, per un periodo transitorio di sei mesi,
l’autorità per le garanzie nelle comunicazioni è chiamata
ad avviare un’istruttoria per verificare la sussistenza di
effetti distorsivi o posizioni lesive del pluralismo quando
accerti che un soggetto operi contemporaneamente nei
mercati delle comunicazioni elettroniche e nel Sic.
Scarica pdf disegno di legge di conversione del decreto
legge n. 125/2020
• Foto: 123rf.com
In evidenza oggi:
Autocertificazione covid: primi decreti di condanna
per chi ha mentito
Sanzionato l’avvocato che intraprende azioni inutili