Novità per la Lotteria degli scontrini sui mezzi di
pagamento che danno diritto a partecipare e dall’Agenzia
delle Entrate
Lotteria degli scontrini solo per chi paga con
strumenti elettronici?
Come richiedere il Codice Lotteria
Gli acquisti esclusi dalla Lotteria
Importo minimo e massimo di spesa e biglietti
Le tappe delle estrazioni
Acquisizione del codice lotteria
Lotteria degli scontrini solo per chi
paga con strumenti elettronici?
Cambiano in corsa le regole della Lotteria degli scontrini,
in partenza dal primo gennaio 2021.
Nella homepage del sito dedicato, fino a qualche
settimana fa, appariva il countdown riferito alla partenza
della lotteria e a fianco un riquadro con del testo in cui si
precisava che: “Partecipare è facile e completamente
gratuito! Basterà pagare senza contanti e mostrare il
codice lotteria al momento dei Tuoi normali acquisti! Dal
1° dicembre in questo sito troverai lo spazio per ottenere
il tuo codice lotteria.”
Il messaggio insomma era chiaro: alla lotteria degli
scontrini potevano partecipare solo chi effettuava
pagamenti con strumenti elettronici, come carte di credito
debito, prepagate e app collegate a circuiti di pagamento
elettronici.
Ora però, nelle Faq del sito alla domanda: “Posso
partecipare alla lotteria solo se pago in contanti?” La
risposta che viene data è la seguente: “No, puoi pagare
sia in contanti sia utilizzando carte di credito, carte di
debito o altri strumenti di pagamento elettronico
(“zerocontanti”): in entrambi i casi potrai partecipare alle
estrazioni ordinarie della lotteria degli scontrini; per gli
acquisti con strumenti di pagamento elettronico
parteciperai anche alle estrazioni “zerocontanti” con
premi, destinati sia a te che acquisti sia all’esercente.”
La lotteria avrà quindi sia estrazioni “ordinarie” che
“zerocontanti”: chi utilizza strumenti di pagamento
elettronico partecipa ad entrambe.
Come richiedere il Codice Lotteria
A partire dal primo dicembre 2020 per richiedere il codice
lotteria è necessario registrarsi al portale e inserire il
proprio codice fiscale. Il sistema rilascerà
automaticamente un codice alfanumerico di 8 caratteri,
anche in formato barcode, che deve essere mostrato
all’esercente presso il quale si effettueranno gli acquisiti,
prima dell’emissione dello scontrino. Il Codice può essere
stampato o salvato sul proprio cellulare e in caso di
smarrimento è possibile chiederlo nuovamente.
Chi desidera controllare le estrazioni e visualizzare i
biglietti direttamente dal sito della Lotteria deve essere
munito invece delle credenziali Spid o Fisco online.
Gli acquisti esclusi dalla Lotteria
Abbiamo visto gli acquisti pagati come mezzi di
pagamento elettronico o contanti possono partecipare alla
Lotteria. Non tutti gli acquisti però sono validi per
partecipare. Sono infatti esclusi gli acquisti di importo
inferiore a un euro, quelli online e quelli effettuati per
l’attività di impresa, arte o professione.
Nella fase di avvio della lotteria sono esclusi anche gli
acquisti documentati da fatture elettroniche, quelli
effettuati presso farmacie, parafarmacie, ottici, laboratori
di analisi, ambulatori veterinari, in relazione ai quali i dati
sono trasmessi al sistema Tessera Sanitaria e infine quelli
per i quali chi acquista chiede l’acquisizione del proprio
codice fiscale per poter detrarre o dedurre fiscalmente la
spesa.
Importo minimo e massimo di spesa e
biglietti
Un euro è l’importo minimo per ottenere un biglietto
della lotteria, l’importo di 1000 euro o superiore è il
limite di spesa a fronte del quale l’acquirente ottiene
1000 biglietti. Spetta quindi un biglietto virtuale per ogni
euro speso fino a un massimo di 1000 biglietti virtuali per
acquisti di importo pari o superiore a 1000 euro; 10
scontrini quindi possono far ottenere fino a 10.000 biglietti
virtuali, 100 scontrini fino a 100.000 biglietti virtuali e così
via. Se l’importo speso è superiore a un euro, l’eventuale
cifra decimale superiore a 49 centesimi produce
comunque un altro biglietto virtuale. Per cui, tanto per fare
un esempio, se si va al bar e si ordina un cappuccino e si
paga 1,60 centesimi con moneta elettronica naturalmente,
si ha diritto al rilascio di due biglietti.
Le tappe delle estrazioni
Per quanto riguarda le estrazioni dei premi, sono previste
le seguenti tappe: dal primo gennaio 2021, ogni giovedì
verranno effettuate le estrazioni settimanali, per tutti gli
scontrini trasmessi e registrati dal sistema lotteria dal
lunedì alla domenica, fino alle ore 23:59, della settimana
precedente. Le estrazioni mensili verranno effettuate
ogni secondo giovedì del mese, per gli scontrini trasmessi
e registrati dal sistema lotteria entro le 23:59 dell’ultimo
giorno del mese precedente.
L’estrazione annuale per tutti gli scontrini trasmessi e
registrati dal sistema dal 1°gennaio alle ore 23:59 del 31
dicembre di ciascun anno, è stabilita con atto del Direttore
Generale dell’Agenzia delle Dogane e dei Monopoli, dopo
aver quantificato i premi non reclamati che concorrono
alla formazione di altri premi da distribuire all’estrazione
annuale.
Acquisizione del codice lotteria
Con il provvedimento n. 0351449, datato 11 novembre
2020 (sotto allegato) il Direttore dell’Agenzia delle Entrate
ha apportato alcune modifiche al precedente
provvedimento n. 739122 del 31 ottobre 2019, in tema di
memorizzazione elettronica e trasmissione telematica dei
dati dei corrispettivi validi ai fini della lotteria degli
scontrini. In virtù della suddetta modifica il punto 1.2 è
sostituito dal seguente: “I dati dei corrispettivi riferiti alle
operazioni di cessioni di beni e prestazioni di servizi per le
quali il cliente consumatore finale richiede all’esercente
l’acquisizione del proprio codice fiscale non possono
partecipare alla lotteria di cui all’articolo 1, commi da 540
a 544, della legge 11 dicembre 2016, n. 232. Al riguardo, i
Registratori Telematici possono memorizzare
esclusivamente in via alternativa il codice fiscale o il
codice lotteria nella fase di registrazione dei dati dei
corrispettivi della singola operazione commerciale
realizzata.”
Come spiegato nel provvedimento, la modifica è stata
introdotta per consentire ai soggetti tenuti all’invio dei dati
al sistema Tessera Sanitaria, ai fini della elaborazione della
precompilata, “di trasmettere i dati dei corrispettivi validi
ai fini della lotteria riferiti esclusivamente alle operazioni
per le quali il cliente consumatore finale richiede
all’esercente l’acquisizione del codice lotteria in
alternativa al codice fiscale.”
Al fine di garantire il rispetto delle misure di sicurezza e di
tutelare i dati personali, i registratori telematici, nel
momento in cui procedono alla registrazione dei dati
dell’operazione, possono memorizzare:
– il codice fiscale per ottenere la detrazione/deduzione
fiscale;
– il codice lotteria per partecipare alla Lotteria degli
scontrini.
Leggi anche:
– Lotteria degli scontrini: la guida
– Lotteria scontrini: segnalato al fisco chi rifiuta
Scarica pdf Agenzia Entrate Nota n. 351449 del
11.11.2020
• Foto: 123rf.com
In evidenza oggi:
Autocertificazione covid: primi decreti di condanna
per chi ha mentito
Sanzionato l’avvocato che intraprende azioni inutili